Agevolazioni per studi di fattibilità su investimenti extra UE

internazionalizzazione, emilia romagna, bandi 13 Dicembre 2016

Nuovi benefici per le PMI italiane che operano su mercati Extra UE.

Tra le misure a favore dell’internazionalizzazione delle imprese è stato inserito, recentemente, uno strumento che agevola la realizzazione di studi di fattibilità per investimenti in paesi Extra UE. Il sostegno è applicabile su progetti di internazionalizzazione, in un qualsiasi paese al di fuori dell’Unione Europea, presentati da aziende con sede legale in Italia, in forma singola o aggregata.

L’incentivo per gli studi di fattibilità è rappresentato da un finanziamento a tasso agevolato pari allo 0,095% che può coprire fino al 100% dell’importo delle spese ammissibili. Tali spese possono comprendere:

  • la retribuzione del personale interno, inclusi viaggi e soggiorni, per prestazioni in Italia e all’estero per il tempo effettivamente dedicato allo studio;
  • le spese per il personale esterno che fornisce consulenze specialistiche, comprensive anch’esse di viaggi e soggiorni.

L’importo massimo del finanziamento è pari a:

  • 150mila euro per studi di prefattibilità e fattibilità connessi a investimenti commerciali;
  • 300mila euro in caso di studi legati a investimenti produttivi.

Ogni singola domanda deve, inoltre, riguardare uno studio da realizzare in un solo Paese. L’impresa, tuttavia, può presentare più domande di finanziamento contemporaneamente.

Scarica gli allegati