Beni strumentali: super e iperammortamento a confronto

1 Febbraio 2017

Nell’ambito della Legge Finanziaria 2017, riveste grande importanza l’introduzione dell’iperammortamento al 250% al fine di favorire processi di trasformazione tecnologica e digitale in chiave Industria 4.0.

La Legge di Stabilità 2017 prevede, inoltre, il rilancio del super-ammortamento al 140%, introdotto dalla Legge di Stabilità 2016.

Vista la convenienza delle agevolazioni, il 40% dei contributi disponibili sono già stati prenotati.

Di seguito una tabella riassuntiva per fare chiarezza sulle differenze tra superammortamento e iperammortamento.

TIPOLOGIA DI INTERVENTO

Superammortamento (140%) Iperammortamento (250%)
Maggiorazione del 40% del costo di acquisizione di beni strumentali ai fini della determinazione degli ammortamenti e dei canoni di leasing deducibili dalle imposte sui redditi. Maggiorazione del 150% degli ammortamenti su beni ad alto contenuto tecnologico, consentendo così di ammortizzare un valore pari al 250% del costo di acquisto.

 

SPESE AMMISSIBILI

Superammortamento (140%) Iperammortamento (250%)
L’agevolazione riguarda tutti i beni materiali strumentali nuovi, con esclusione di:

  •  beni materiali strumentali con coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%;
  •  fabbricati e costruzioni;
  • beni legati a grandi infrastrutture;
  • materiale rotabile, ferroviario e tramviario eccetto le motrici;
  • aereo completo di equipaggiamento.

La Legge di Stabilità 2017, tra i nuovi super-ammortamenti al 140%, ricomprende anche beni immateriali inclusi software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni funzionali ai nuovi investimenti in macchinari e apparati digitali che rientrano in Industria 4.0.

La Finanziaria 2017 ha limitato l’acquisto di veicoli a quelli utilizzati esclusivamente come beni strumentali all’attività di impresa, ad esclusione dei veicoli concessi ad uso colletivo dei dipendenti.

Sono agevolabili i beni materiali strumentali nuovi acquisiti a titolo di proprietà o di leasing.

La gamma di beni agevolabili a tre macro categorie:

  • Automazione;
  • Qualità e ambiente;
  • Sistemi interattivi.

L’iperammortamento 250% richiede valutazioni tecniche più approfondite rispetto al superammortamento al 140%. È consigliata l’assistenza di un tecnico esperto.

 

 

SCADENZE

Super-ammortamento (140%) Iper-ammortamento (250%)
Investimenti realizzati nel 2016 e nell’ultimo trimestre del 2015, a partire dal 15 Ottobre 2015.

Dal 2017 gli acquisti dovranno essere effettuati entro il 2017 ma la consegna definitiva potrà avvenire entro il 30 Settembre 2018 a patto che l’accettazione dell’ordine da parte del fornitore ed il pagamento di un anticipo superiore al 20% sia entro il 31 Dicembre 2017.

Saranno agevolabili gli investimenti effettuati nel 2017 per beni consegnati entro il 30 Giugno 2018, per i quali sussista l’accettazione dell’ordine da parte del fornitore ed il pagamento di un anticipo superiore al 20% entro il 31 Dicembre 2017.