Bonus pubblicità: domande per il 2017 a partire dal 22 settembre

newspapers 444447 1920 1020x600 - Bonus pubblicità: domande per il 2017 a partire dal 22 settembre 26 luglio 2018

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 luglio il decreto attuativo del Bonus Pubblicità. Il bonus consiste in un credito d’imposta spettante a tutti coloro che hanno effettuato investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali nel 2017 e nel 2018.

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il Bonus Pubblicità  è diventato operativo a tutti gli effetti. Possono usufruire di questo bonus coloro che hanno effettuato investimenti pubblicitari dal 1° gennaio 2018 e coloro che hanno effettuato investimenti a partire dal 24 maggio e fino alla fine del 2017.

I soggetti che possono fare richiesta del Bonus sono:

  • Imprese e Lavoratori autonomi (indipendentemente dalla natura giuridica assunta, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile adottato);
  • Enti non commerciali.

Per poter beneficiare di questa agevolazione bisogna rispettare due condizioni fondamentali, ossia:

  • incremento complessivo degli investimenti pubblicitari di almeno dell’1% degli investimenti effettuati nell’anno precedente;
  • incremento degli investimenti pubblicitari sul singolo mezzo di informazione.

Il valore del credito d’imposta sarà pari al 75% del valore dell’investimento effettuato. Nel caso in cui si tratta di una micro-impresa o PMI oppure di una start-up innovativa la percentuale di rimborso potrà salire al 90% (l’estensione della percentuale al 90% è ancora in fase di approvazione da parte dell’UE).

Sono ammissibili al credito d’imposta tutti gli investimenti effettuati per gli acquisti di spazi pubblicitari, inserzioni commerciali su riviste, testate online, emittenti televisive e radiofoniche. Sono esclusi dal bonus tutti gli investimenti effettuati per l’acquisto di televendite e altri servizi speciali. Si ricorda che sono considerati ammissibili solo gli investimenti effettuati per l’acquisto di spazi pubblicitari su testata giornalistica iscritta al Tribunale o al ROC.

Il credito d’imposta si applica agli investimenti incrementali (almeno dell’1%) rispetto all’anno precedente sulla stessa tipologia di testate ed effettuati a partire:

  • dal primo gennaio 2018 (il termine di paragone per calcolare la quota incrementale è il 2017),
  • dal 24 giugno al 31 dicembre 2017 (devono superare dell’1% quelli effettuati sugli stessi mezzi di informazione dal 24 giugno al 31 dicembre 2016) ma, in quest’ultimo caso, vale solo per la stampa quotidiana e periodica, anche online (non alle radiotelevisioni che potranno essere agevolabili solo dal prossimo anno).

Per richiedere il bonus pubblicità, sarà necessario presentare domanda in via telematica a partire dal 22 settembre 2018 ed entro il termine ultimo del 22 ottobre.

All’interno della richiesta bisognerà inserire obbligatoriamente i seguenti dati:

  • spesa complessiva degli investimenti effettuati o da effettuare durante l’anno solare;
  • costi sostenuti per la pubblicità negli anni precedenti sugli stessi mezzi di comunicazione;
  • importo del credito d’imposta richiesto per ciascuno dei media;
  • quota incrementale dell’investimento effettuato negli anni precedenti.

Il credito d’imposta riconosciuto, potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione tramite il modello F24.

Si ricorda, inoltre, che l’importo percepito potrà essere inferiore a quello richiesto in quanto l’ammontare dei crediti complessivi richiesti potrebbe essere superiore alla dotazione finanziaria e in questo caso si andrà a riparto.

Le domande per l’annualità 2017 potranno essere presentate a partire dal 22 settembre e fino al 22 ottobre mentre dal prossimo anno le richieste dovranno essere presentate nel mese di marzo con temine ultimo il 31 marzo 2019.