Credito d’imposta R&S: ammissibilità sviluppo software

software 1518624142 - Credito d'imposta R&S: ammissibilità sviluppo software 14 febbraio 2018

Le imprese possono beneficare di un credito di imposta  per le attività di sviluppo di software qualora tali attività rientrino nella classificazione di ricerca e sviluppo.

Il Ministero dello Sviluppo Economico in una circolare chiarisce per quali attività è possibile usufruire di tale incentivo.

La circolare del 9.2.2018  n. 59990 afferma che, affinché un progetto per lo sviluppo di un software venga classificato come R&S, la sua esecuzione deve dipendere da un progresso scientifico e/o tecnologico;  inoltre lo scopo del progetto deve essere la risoluzione di un problema scientifico o tecnologico su base sistematica. In altre parole un progetto che abbia per oggetto il potenziamento, l’arricchimento o la modifica di un programma o di un sistema esistente, può essere classificato come R&S se produce un avanzamento scientifico o tecnologico che si traduce in un aumento di conoscenza.

Vengono pertanto rese ammissibili le attività collegate alla realizzazione di prodotti nuovi o significativamente migliorati, escludendo invece dal concetto di sviluppo sperimentale le attività che non rappresentano significative innovazioni dei prodotti o dei processi esistenti. Inoltre, la corretta applicazione della disciplina agevolativa richiede non solo l’individuazione delle attività il cui contenuto soddisfi i requisiti di innovazione ma anche l’individuazione del punto conclusivo delle fasi di R&S, dato che il riconoscimento del credito d’imposta non può riguardare attività dell’impresa successive a quelle cosiddette pre-competitive. A questo proposito, si ritiene che, nel caso di attività di sviluppo di software, la conclusione di tali attività pre-competitive possa identificarsi in linea generale con quelle attinenti al cosiddetto beta testing.

In sintesi  sono, ad esempio, finanziabili le attività che riguardano:

  • lo sviluppo di un nuovo sistema operativo o di un nuovo linguaggio di programmazione;
  • la progettazione e la realizzazione di nuovi motori di ricerca basati su tecnologie originali;
  • gli sforzi per risolvere i conflitti con hardware o software in base a un processo di reingegnerizzazione di un sistema o di una rete;
  • la creazione di nuovi o più efficienti algoritmi basati su nuove tecniche; la creazione di nuovi e originali tecniche di criptazione o di sicurezza.

 

Scarica gli allegati