Formazione 4.0: beneficio a partire da gennaio 2018

7 febbraio 2018

Il Bonus Formazione 4.0, approvato definitivamente con la Legge di Bilancio 2018, permette di utilizzare da subito il beneficio: i percorsi formativi avviati dal primo gennaio sono quindi incentivati con credito d’imposta.

Il chiarimento è stato fornito dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, in un approfondimento dedicato alle novità in materia contenute nella legge di Bilancio 2018.

Il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 40% dei costi sostenuti dalle imprese per il personale impegnato in attività di formazione in chiave Industria 4.0 dal primo gennaio al 31 dicembre 2018, fino ad un importo massimo annuale di 30o.000 euro a impresa.

L’attività di formazione deve rientrare in uno degli ambiti innovativi legati alle tecnologie di Industria 4.0, specificatamente previsti dal comma 48 della Legge di Bilancio.

Il Bonus Formazione si indica in dichiarazione dei redditi e, come anticipa la circolare dei Consulenti del Lavoro, il decreto applicativo conterrà tutti i dettagli su documentazione richiesta, controlli, cause di decadenza dal beneficio.

La provvisoria assenza del decreto non impedisce però in alcun modo l’entrata in vigore della misura. L’agevolazione è automaticamente riconosciuta alle imprese in relazione all’attività di formazione ammessa in relazione ai parametri sopra descritti.

Il decreto conterrà anche le indicazioni utili agli adempimenti necessari per la dichiarazione dei redditi 2019 (riferita al periodo d’imposta 2018). L’utilizzo del credito d’imposta può avvenire solo in compensazione e viene effettuato a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in cui sono state sostenute le spese ovvero, per quanto riguarda il 2018, la domanda dovrà essere presentata nel 2019.