Internazionalizzazione: in arrivo nuovi finanziamenti per la crescita delle imprese anche sui mercati UE

9 Ottobre 2019

Il Decreto Crescita ha esteso la validità dei Finanziamenti per l’Internazionalizzazione anche all’interno dell’Unione europea ed ha previsto l’attivazione di due nuovi strumenti: finanziamenti per l’assunzione di temporary export manager e finanziamenti per la creazione di ecommerce internazionali (di proprietà o attraverso l’adesione a marketplace). Le novità diverranno operative a breve quando verranno emanati i decreti attuativi.

Di seguito riassumiamo le caratteristiche degli incentivi.

Programmi per lo sviluppo del commercio elettronico (e-commerce)

 Beneficiari: imprese con sede legale in Italia che abbiano depositato almeno 2 bilanci

Attività finanziabili: È ammissibile lo sviluppo di nuove soluzioni di e-commerce attraverso l’utilizzo di un marketplace o la realizzazione/ implementazione di una piattaforma informatica propria. Entrambi devono avere un dominio di primo livello nazionale registrato in un Pase extra UE. L’attività deve riguardare un solo Paese di destinazione extra UE nel quale registrare un dominio di primo livello nazionale.

L’agevolazione: Finanziamento  a tasso zero* fino al 100% delle spese da sostenere dalla durata di 4 anni di cui 1 anno di preammortamento.

Inserimento temporaneo in azienda di Temporary Export Manager (TEM) per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione

Beneficiari: PMI con sede legale in Italia che abbiano depositato almeno 1 bilancio relativo a un esercizio completo.

Attività finanziabili:
• spese relative alle prestazioni di figure professionali specializzate (TEM), risultanti dal Contratto di Servizio, che devono essere almeno pari al 60% del finanziamento concesso;
• spese strettamente connesse alla realizzazione del progetto elaborato con l’assistenza del TEM.

L’agevolazione:Finanziamento  a tasso zero* fino al 100% delle spese da sostenere della durata di 4 anni di cui 2 di preammortamento.

Progetti di partecipazione a Fiere UE ed EXTRA UE

Beneficiari: PMI con sede legale in Italia che abbiano depositato almeno 1 bilancio relativo a un esercizio completo.

Attività finanziabili: Finanzia la partecipazione a fiere e/o mostre da realizzarsi in Paesi extraeuropei. Ogni domanda di finanziamento può riguardare una singola iniziativa in un unico Paese.

L’agevolazione: Finanziamento agevolato fino al 100% delle spese preventivate, fino a un massimo del 10% dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato e depositato. Importo massimo di 100.000 euro. Durata 4 anni di cui 1 di preammortamento.

Studi di fattibilità per l’ingresso su mercati UE ed EXTRA UE

 Beneficiari: Imprese con sede legale in Italia con almeno 2 bilanci depositati.

Attività finanziabili: finanzia le attività di studi di fattibilità collegati ad investimenti italiani in Paesi che non sono membri dell’Unione europea ma, a breve verrà esteso anche ai Paesi dell’UE, nonché programmi di assistenza tecnica collegati a tali investimenti.

L’agevolazione: finanziamento a tasso zero* fino al 100% dell’importo delle spese preventivate, fino al 12,5% dei ricavi medi dell’impresa risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati. Importo massimo :

  • 300.000 euro per studi finalizzati a un investimento produttivo
  • 150.000 euro per studi finalizzati a un investimento commerciale.

Durata 4 anni di cui 1 di preammortamento

Programmi di inserimento nei mercati UE ed EXTRA UE

Beneficiari: Imprese con sede legale in Italia con almeno 2 bilanci depositati.

Attività finanziabili: Finanzia l’apertura di nuove strutture o il potenziamento di strutture già esistenti, non configurabili come rete di distribuzione all’estero, volte ad assicurare in prospettiva la presenza stabile nel mercato di riferimento. Le strutture possono essere costituite da un ufficio, uno showroom, un negozio o corner in un Paese extra Ue.

L’agevolazione: Finanziamento a tasso zero* copre il 100% delle spese preventivate, fino a un massimo del 25% dei ricavi medi dell’impresa risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati. Importo massimo di 2.500.000 euro. Durata 6 anni di cui 2 di preammortamento.

Finanziamenti agevolati per migliorare la solidità patrimoniale

 Beneficiari: PMI con sede legale in Italia costituite in forma di società di capitali.

Requisiti:

  • 3 bilanci approvati e depositati relativi a 3 esercizi completi
  • 35% fatturato estero (media degli ultimi 3 esercizi) del fatturato aziendale totale
  • il livello di solidità patrimoniale dell’impresa, inteso come rapporto tra patrimonio netto e attività immobilizzate nette, deve risultare < 1,60 se manifatturiera o < di 2,60 se commerciale/di servizi.

Attività finanziabili: l’intervento è volto a stimolare, migliorare e salvaguardare la solidità patrimoniale delle imprese per accrescere la loro capacità di competere sui mercati esteri.

L’agevolazione: Finanziamento a tasso zero* fino a 400.000 euro, fino a un massimo del 25% del patrimonio netto dell’impresa richiedente risultante dall’ultimo bilancio depositato. Durata 6 anni di cui 2 di preammortamento

*Tasso agevolato pari al 10% del tasso di riferimento UE (0,072 tasso aggiornato a ottobre 2019)