Legge Sabatini: nuovi fondi nel 2017 per Manufacturing 4.0

2 Dicembre 2016

Le imprese che decideranno di investire in nuovi macchinari saranno particolarmente favorite nel 2017.

La legge di stabilità ha, infatti, stabilito lo stanziamento di nuove risorse per il finanziamento della Legge sabatini. La legge di bilancio 2017 proroga l’operatività dello strumento fino al 31 dicembre 2018, prevedendo al contempo uno stanziamento di 560 milioni di euro complessivi, di cui: 28 milioni di euro per il 2017, 84 milioni di euro per il 2018, 112 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2019 al 2021, 84 milioni di euro per il 2022 e 28 milioni di euro per il 2023.

La nuova Legge Sabatini sostiene gli investimenti delle PMI nell’acquisto o nell’acquisizione tramite leasing di macchinari, macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo, nonché hardware, software e tecnologie digitali.

Con il nuovo provvedimento, infine, tra gli investimenti ammessi a beneficiare della Legge Sabatini sono stati inseriti anche i sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Inoltre, per favorire lo sviluppo di progetti marcatamente innovativi, legati nello specifico al “Manufacturing 4.0”, il 20% delle risorse sono destinate all’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature completamente nuovi al fine di realizzare investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID). Tali investimenti saranno particolarmente vantaggiosi in quanto il contributo disponibile potrà usufruire di una maggiorazione del 30%.

L’agevolazione sarà concessa, a fronte di una richiesta di finanziamento, nella forma di un contributo in conto impianti il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo pari all’investimento, al tasso d’interesse del 2,75 per cento.

La Sabatini sarà, inoltre, cumulabile con i benefici previsti dall’iperammortamento.