Linea “AL VIA”: nuove agevolazioni per le imprese lombarde

20 Dicembre 2016

“AL VIA” è la nuova linea istituita dalla Regione Lombardia per sostenere gli investimenti delle imprese e rilanciare così il sistema produttivo. Lo strumento prevede la possibilità di finanziare investimenti produttivi, incluso l’acquisto di macchinari, impianti e consulenze specialistiche a patto che siano inseriti in adeguati piani di sviluppo aziendale.

I progetti ammessi possono riguardare le seguenti linee di intervento:

  • Linea sviluppo aziendale, ovvero investimenti da realizzarsi nell’ambito di piani di sviluppo aziendale;
  • Linea rilancio delle aree produttive, ovvero investimenti volti allo sviluppo aziendale che riguardano programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo legati a piani di riqualificazione e/o riconversione territoriale di aree produttive.

La linea AL VIA avrà una dotazione finanziaria pari a 75 milioni di euro, a valere sull’Azione III.3.c.1.1 del POR FESR 2014-2020. Inoltre, saranno disponibili ulteriori risorse a valere sull’azione del POR pari a 220 milioni di euro, di cui 110 milioni concessi da Finlombarda e 110 milioni da intermediari finanziari convenzionati.

Saranno ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
  • sistemi gestionali integrati (software e hardware);
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati;

Per quanto riguarda, invece, la linea per il rilancio delle aree produttive saranno ammissibili le seguenti spese:

  • macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
  • sistemi gestionali integrati (software e hardware);
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati;
  • proprietà/diritto di superficie in relazione ad immobili destinati all’esercizio dell’impresa;

Saranno disponibili anche contributi in conto capitale. Queste risorse potranno essere richieste nella misura massima del 10% delle spese ammissibili per investimenti standard e fino al 15% per investimenti legati a manifattura 4.0, programmi di aggregazione, programmi contenenti sistemi di certificazione ambientale e progetti volti a valorizzare e riconvertire l’area Expo. Per investimenti legati al rilancio delle linee produttive, invece, l’agevolazione sarà concessa fino ad un massimo del 15% delle spese ammissibili.

Il bando completo è previsto in arrivo entro gennaio 2017.