Nuova Sabatini: fondi in esaurimento

21 marzo 2018

Rimane poco tempo alle PMI per sfruttare i benefici offerti dalla Sabatini ter a causa della possibile chiusura improvvisa dello sportello di accesso alle risorse.  L’estensione della misura, fino ad esaurimento delle risorse disponibili e non più fino al 31 dicembre 2018, ha portato ad un forte incremento del numero di domande presentate dalle imprese e dei contributi richiesti rispetto alle precedenti richieste di agevolazione.

Le PMI che intendono accedere alla Sabatini ter hanno poco tempo a disposizione per presentare domanda.
Questa situazione deriva dalle modifiche recentemente apportate dalla legge di Bilancio 2018, la quale prevede che la Sabatini rimarrà attiva fino ad esaurimento delle risorse disponibili e non più fino al 31 dicembre 2018. La relazione tecnica alla Manovra 2018 ipotizza anche una scadenza molto ravvicinata per l’esaurimento dei fondi.
Le imprese intenzionate a sfruttare l’agevolazione devono affrettarsi se non vogliono rimanere senza risorse a causa della chiusura dello sportello di accesso per esaurimento fondi.

La nuova Sabatini 2018, per l’acquisto di beni strumentali, è un incentivo che il MISE riconosce alle PMI attraverso un contributo a copertura degli interessi sui finanziamenti bancari per gli investimenti realizzati per acquistare beni strumentali. Sono ammesse al bonus tutte le micro, piccole e medie imprese operanti in Italia.

Il contributo  previsto dalla Nuova Sabatini è pari agli interessi calcolati sul piano di ammortamento a rate semestrali al tasso di 2,75% annuo per 5 anni.

Le PMI possono richiedere, inoltre, che il finanziamento sia coperto dalla garanzia dello Stato, attraverso il Fondo di garanzia PMI fino all’80% del finanziamento totale.

In breve, le caratteristiche dell’agevolazione sono le seguenti:

  • Investimento coperto da un finanziamento bancario o leasing, fino all’80% dell’importo dal Fondo di garanzia PMI.
  • La durata del finanziamento è di massimo 5 anni;
  • Importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro;
  • Finanziamento deve essere utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili.

Le spese ammesse a contributo sono quelle relative agli investimenti per l’acquisto o l’acquisizione in leasing dei seguenti beni strumentali:

  • Macchinari;
  • Attrezzature;
  • Impianti;
  • Beni strumentali ad uso produttivo;
  • Hardware, software e tecnologie digitali.

La procedura di concessione del contributo è a sportello fino ad esaurimento fondi.