PSR Lombardia: premio giovani agricoltori 2021 elevato fino a 50.000 euro

La Regione Lombardia ha approvato la nuova edizione del Bando per incentivare l’ingresso di giovani adeguatamente qualificati in agricoltura.

La misura prevede un premio per l’insediamento in attività agricola di giovani agricoltori al fine di favorire la costituzione di nuove imprese guidate da giovani in modo da incentivare il ricambio generazionale nel settore.

Possono accedere al bando tutti i giovani con le seguenti caratteristiche:

  • età compresa tra i 18 e i 40 anni;
  • in possesso di titolo di studio di livello universitario o di scuole superiore secondaria in campo agrario, veterinario o in scienze naturali, oppure esercizio dell’attività agricola, per almeno due anni, come coadiuvante familiare o lavoratore agricolo;
  • in possesso di attestato di qualifica di imprenditore agricolo professionale (IAP);
  • insediato in qualità di titolare o legale rappresentante.

L’impresa dovrà rispettare i seguenti requisiti:

  • dimensione economica tra 12.000 euro e 200.000 euro di Produzione Standard in zona svantaggiata di montana e tra 18.000 euro e 200.000 euro di Produzione Standard in altre zone;
  • insediamento per la prima volta di un giovane agricoltore, in qualità di titolare, rappresentante legale di una società agricola di persone, di capitali o cooperativa;
  • con sede aziendale costituita dagli edifici rurali indicati nel fascicolo aziendale in Regione Lombardia;
  • con almeno il 50% della superficie agricola utilizzata aziendale in Regione Lombardia;
  • non aver beneficiato di un sostegno comunitario o nazionale per l’insediamento dei giovani agricoltori.

L’insediamento del giovane agricoltore deve avvenire tra i 24 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda e l’8 marzo 2021. Sono esclusi i soggetti che nei 24 mesi precedenti alla data di presentazione della domanda sono soci in una società agricola e coloro che subentrano nella conduzione dell’azienda agricola prima amministrata da genitori/coniugi/parenti, o nata da scissione di questa.

Per poter accedere al Bando è necessario presentare un piano di sviluppo aziendale. Il Piano aziendale deve essere avviato dopo la presentazione della domanda e comunque entro e non oltre 6 mesi dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale del provvedimento di concessione, dovrà inoltre essere completato entro e non oltre 2 anni dall’avvio.

Il contributo erogato è pari a:

  • 40.000 euro per le zone non svantaggiate
  • 50.000 euro per le zone svantaggiate di montagna

Lo sportello per la presentazione delle domande rimarrà aperto dal 17 marzo 2021 al 20 giugno 2022.