Sabatini-ter: al via le domande per investimenti nel digitale

1 Marzo 2017

Con Circolare del 15 febbraio 2017 n. 14036, il Ministero dello Sviluppo Economico ha definito le modalità di presentazione delle domande di agevolazione che possono accedere alla maggiorazione del contributo del 30% per investimenti in tecnologie digitali, a valere sulla riserva delle risorse stanziate dalla Legge di Stabilità 2017.

Secondo quanto stabilito dalla Legge di Bilancio, l’agevolazione sarà concessa, a fronte di una richiesta di finanziamento, nella forma di un contributo in conto impianti il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni al tasso d’interesse del 3,575% annuo.

Ulteriori chiarimenti sono contenuti negli allegati 6/A e 6/B della circolare che individuano i beni materiali e immateriali rientranti tra gli “investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti” per i quali si applica la maggiorazione del contributo. I beni agevolabili saranno dunque macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica, meccanica  avanzata, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID) e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Le domande di agevolazione potranno essere presentate a sportello a partire dal 1 marzo 2017.

Si ricorda, inoltre, che con la Sabatini-ter rimane, comunque, possibile ottenere un incentivo per l’acquisto o il leasing di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo anche non legati all’industria 4.0. In questo caso l’intensità del contributo sarà pari al valore degli interessi su un finanziamento della durata di cinque anni al tasso d’interesse del 2,75% annuo.

Scarica gli allegati