img img img img

5 milioni per il comparto della ceramica artistica

5 milioni per il comparto della ceramica artistica

È del 16 maggio il decreto attuativo per le misure di sostegno, disposte dal Ministero dello sviluppo economico, a favore della filiera della ceramica artistica e tradizionale nonché della ceramica di qualità, per garantire la continuità produttiva e la valorizzazione delle attività storiche dei maestri artigiani, eccellenze che ci contraddistinguono a livello internazionale, anch’esse provate dalla pandemia da Covid e dal conflitto in Ucraina.

Al fine di favorirne la ripresa, dal prossimo 1 giugno fino al 30 giugno 2022, sarà possibile presentare le domande per ottenere gli incentivi a fondo perduto per 5 milioni di euro. Ogni singola impresa potrà presentare una sola domanda, per richiede un importo non superiore all’80% delle spese totali ammissibili e comunque non oltre 50 mila euro.

I fondi saranno disponibili per le attività individuate con il codice Ateco 23.41.

Gli investimenti dovranno riguardare:

  • progetti di sviluppo di piattaforme informatiche dedicate;
  • sviluppo tecnologico;
  • sviluppo industriale per l’acquisto di macchinari di nuova fabbricazione.

Sarà cura del Consiglio Nazionale Ceramico valutare e approvare i progetti per la concessione dei fondi.