Disegni + 4: l’apertura dello sportello per la presentazione delle domande slitta al 19 marzo

6 Marzo 2020

Il Ministero ha posticipato l’apertura dello sportello per la richiesta dei contributi a valere sul Bando Disegni+4 , la nuova data di apertura è fissata alle ore 9.00 del 19 marzo 2020.

Lo slittamento del termine si è reso necessario in conseguenza alle difficoltà di molte imprese delle aree a rischio contagio da coronavirus di aderire all’incentivo nei modi e nei  del Bando Disegni+4 a causa della chiusura delle attività lavorative a seguito dell’emergenza sanitaria.

Il Bando Disegni + 4 mette a disposizione delle Pmi ben 13 milioni di euro per la valorizzazione dei disegni e modelli. Micro, piccole e medie imprese con sede legale e operativa in Italia, titolari dei disegni/modelli registrati oggetto del progetto di valorizzazione.
E’ possibile presentare solo una domanda per impresa.

Il progetto deve riguardare la valorizzazione di un disegno/modello singolo o di uno o più disegni/modelli appartenenti al medesimo deposito multiplo registrati – presso qualsiasi ufficio nazionale o regionale di proprietà intellettuale/industriale – a decorrere dal 1° gennaio 2018 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione ed essere in corso di validità.

Per accedere al Bando Disegni + 4 il progetto può prevedere alternativamente la Fase 1 o la Fase 2 o entrambe.

FASE 1 PRODUZIONE per l’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione e l’offerta sul mercato di nuovi prodotti a esso correlati.
FASE 2 COMMERCIALIZZAZIONE per l’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale.

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale per la realizzazione del progetto, in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna Fase e per ciascuna tipologia di spesa.

Fase 1 > Contributo massimo di 65 mila euro
Fase 2 > Contributo massimo di 10 mila euro
Le spese ammesse

FASE 1 PRODUZIONE
Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisizione dei seguenti servizi:

ricerca sull’ utilizzo dei nuovi materiali;
realizzazione di prototipi;
realizzazione di stampi;
consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno;
consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale;
consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, ideazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online) strettamente connessa al disegno/modello.

FASE 2 COMMERCIALIZZAZIONE
Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisizione dei seguenti servizi:

consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello;
consulenza legale per la stesura di accordi di licenza del titolo di proprietà industriale;
consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione.

Il form sarà attivo fino ad esaurimento fondi.