Confermato in Legge di Bilancio 2018 il Bonus Formazione 4.0

6 Dicembre 2017

La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto un nuovo credito d’imposta che riguarderà i corsi di formazione aziendale con tematiche relative ad Industria 4.0. Le imprese, che investiranno in questo ambito nel 2018, potranno così usufruire del nuovo credito d’imposta per la formazione dei propri lavoratori.

Lo sconto fiscale è destinato a:

  • aziende che hanno già investito in nuove tecnologie;
  • aziende che hanno intenzione, per il futuro, di puntare sulla formazione dei propri lavoratori, formazione necessaria per la gestione di nuova strumentazione aziendale in vista di un successivo rinnovo tecnologico;
  • PMI che non hanno ancora avviato percorsi di digitalizzazione.

Le spese ammissibili riguardano attività formative volte ad acquisire o consolidare conoscenze per l’applicazione di big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, cyber security, sistemi cyber-fisici, prototipazione rapida, sistemi di visualizzazione e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborativa, interfaccia uomo macchina, manifattura additiva e integrazione digitale dei processi aziendali. Sono escluse le attività di formazione ordinaria o periodica che l’impresa organizza per conformarsi alla normativa vigente in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, di protezione dell’ambiente e ad ogni altra normativa obbligatoria in materia di formazione.

Bonus fiscale sarà del 40% delle spese relative al costo del personale dipendente per il periodo in cui viene impegnato in attività di formazione fino ad un importo massimo annuale dei 300.000 euro e sarà usufruibile solo per il periodo di imposta 2018.

CERTIFICAZIONE DELLA SPESA

I costi del personale dovranno essere certificati dal soggetto incaricato della revisione legale o da un professionista iscritto nel Registro dei revisori legali e tale certificazione dovrà essere allegata al bilancio.

Per ulteriori dettagli e precisazioni su questa misura si attendono le disposizioni applicative necessarie all’utilizzo del credito d’imposta che dovrebbero essere pubblicate entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di bilancio.