Credito d’Imposta per attività di ricerca e sviluppo: il settore calzaturiero

immagine anteprima articolo

La legge n. 160 del 2019 ha modificato il Credito d’Imposta al fine di valorizzare anche le attività di Innovazione Tecnologica, Design e Ideazione Estetica, oltre alla Ricerca e Sviluppo. Questa Legge di Bilancio ha perciò aumentato le possibilità per le aziende che desiderano ideare nuovi progetti e sottoporli a valutazione.

Il settore calzaturiero nello specifico è già di per sé un ambito in cui creatività e novità la fanno da padrone: il marchio e la competitività delle singole aziende rappresentano qualcosa di distintivo e autorevole nel mercato, perciò ognuna di esse si organizza per produrre nuovi campionari stagionali ogni anno. Le scelte effettuate nei cataloghi deve unire la cura dei dettagli, i pregevoli materiali e la creatività nell’abbinare questi ultimi.

Queste attività rientrano nell’ambito della ricerca e sviluppo, ma negli ultimi anni, a causa dei controlli degli organi competenti, risulta sempre più difficile giustificare tali operazioni: le aziende non sono convincenti per le motivazioni che utilizzano nel definire “novità” le conoscenze acquisite. Tali attività spesso vengono allora classificate nel concetto di Innovazione Tecnologica o Design e Ideazione Estetica.

Il lavoro svolto per produrre un nuovo prototipo necessita di abilità tecnologiche avanzate che l’azienda deve acquisire, per realizzare un prodotto che non sia per forza nuovo, ma sicuramente migliore dei precedenti o innovativo.

Questi tipi di operazioni possono essere classificate nell’Innovazione Tecnologica, permettendo così all’impresa di accedere all’agevolazione finanziaria, anche se essa lavora conto terzi, sostenendo alti costi, e non possiede un proprio marchio. Tali costi, quindi, non sarebbero inerenti a un nuovo prodotto realizzato, ma allo sviluppo di nuove tecnologie di lavorazione che vanno a incrementare il know how aziendale.

Nel caso in cui l’impresa si occupasse soprattutto dello studio della forza della calzatura e sull’estetica, la normativa permette la rendicontazione delle attività di Design e Ideazione Estetica.

La normativa del Credito d’Imposta per attività di Ricerca e Sviluppo è in evoluzione, ma questo non deve essere visto necessariamente come penalizzazione per le aziende, bensì come elaborazione di nuove opportunità.

Vuoi cogliere anche tu le opportunità offerte dalle nuove normative del Credito d’Imposta? Contatta Villani&Partners per essere aggiornato!

Vuoi saperne di più?
compila il form per essere ricontattato

Oppure contattaci

(+39) 0382 34282