img img img img

Definite le misure di intervento nel Decreto Alluvioni

Definite le misure di intervento nel Decreto Alluvioni

È stato pubblicato da pochi giorni in Gazzetta Ufficiale il decreto in cui si definiscono gli stanziamenti per 2,2 miliardi di euro destinati a fronteggiare l’emergenza causata dall’alluvione che ha danneggiato numerosi comuni di Emilia, Marche e Toscana. Di seguito sintetizziamo le misure utili riferite esclusivamente alle imprese danneggiate con sede operativa nei comuni interessati dall’evento.

 

DA SIMEST 700 MILIONI DI EURO PER LE IMPRESE ESPORTATRICI E NON SOLO

Sono tre le misure predisposte da SIMEST:

  • contributi a fondo perduto per 300 milioni di euro dal 26 di giugno, per PMI e Mid Cap con fatturato minimo del 10% per l’export nell’ultimo esercizio. Importo massimo concesso: 1,5 milioni di euro;
  • finanziamenti agevolati per 400 milioni di euro, con tassi agevolati e quote a fondo perduto del 10%. Per la prima volta la misura sarà accessibile non solo alle imprese esportatrici, ma anche a tutte le aziende della filiera produttiva;
  • moratoria pagamenti, fino al 31 dicembre sospensione dei pagamenti, in quota capitale e interessi, sui finanziamenti in essere.

Per saperne di più: https://villaniandpartners.eu/al-via-i-ristori-simest-a-sostegno-delle-imprese-colpite-dallalluvione/

 

MINISTERO DELL’AGRICOLTURA, DELLA SOVRANITÀ ALIMENTARE E DELLE FORESTE

Gli interventi predisposti per il settore agricolo, da parte del MIPAAF, prevedono ristori per 100 milioni di euro a favore delle imprese agricole danneggiate nelle proprie strutture o nella produzione, anche se prive di assicurazione a copertura del rischio alluvione/piogge alluvionali, così indirizzati:

  • 80% di contributi a fondo perduto;
  • prestiti con piano di ammortamento quinquennale;
  • proroga dei prestiti agrari già in essere;
  • agevolazioni previdenziali e assistenziali.

75 milioni di euro, provenienti dal Fondo per l’innovazione in agricoltura introdotto con la Legge di Bilancio 2023, saranno concessi nella misura di 10 milioni di euro per l’anno 2023, di 30 milioni di euro per l’anno 2024 e di 35 milioni di euro per l’anno 2025, e destinati a progetti di innovazione per le imprese agricole, zootecniche, della pesca e dell’acquacoltura.

 

MINISTERO DEL TURISMO

Il MT per l’indennizzo delle imprese danneggiate dall’alluvione istituirà un fondo di 10 milioni di euro per il 2023, destinato al sostegno di attività ricettive e turistiche, inclusi porti turistici, stabilimenti termali, balneari e parchi.

 

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Con i 5 milioni di euro resi disponibili dal MAECI, i seguenti interventi di supporto all’export saranno gratuiti:

  • spazi espositivi per le manifestazioni organizzati da ICE all’estero;
  • partecipazioni a seminari, workshop e inviti a delegazioni estere;
  • specifici servizi presso gli uffici ICE nel mondo;
  • partecipazioni a iniziative ICE finalizzate alla valorizzazione aziendale tramite e-commerce;
  • partecipazione a Master per l’internazionalizzazione finalizzate alla formazione di export manager nei settori orto-frutticolo e agroalimentare;
  • consulenza di Temporary Export Manager con competenze digitali.

 

MINISTERO DELLO SPORT

5 milioni di euro in quota al Fondo “Sport e Periferie”, favoriranno il risanamento delle infrastrutture sportive.

 

RAFFORZAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI MEDIO CREDITO CENTRALE

110 milioni di euro per il sostegno alla liquidità, la garanzia del Fondo MCC a titolo gratuito per tutte le imprese, fino al 31 dicembre:

  • garanzia diretta fino all’80% per tutte le imprese indipendentemente da finalità e valutazione di liquidità;
  • garanzia elevabile fino al 90% per i finanziamenti finalizzati a obiettivi di efficientamento o diversificazione di produzione o consumo di energia.

 

LE MISURE DI SUPPORTO SACE

In ambito di credito, liquidità e cauzioni, SACE interverrà con:

  • posticipo al 31 dicembre 2023 del pagamento di specifiche polizze;
  • proroghe di 6 mesi gratuite per i termini delle coperture assicurative verso clienti esteri;
  • moratoria fino al 31 maggio 2024, fino ad un massimo di 12 mesi, per i finanziamenti a garanzia SACE.

 

SOSPENSIONE DI TERMINI E ADEMPIMENTI

Saranno sospesi:

  • pagamenti di rate di mutui e finanziamenti di ogni tipo;
  • diritto annuale CCIAA;
  • adempimenti contabili e societari con scadenza entro il 30 giugno.

Per le imprese che alla data  del 1°maggio avevano sede legale e/od operativa sul territorio dei comuni interessati:

  • sospesi i termini di versamenti tributari, versamenti di contributi previdenziali e assistenziali e premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza tra il 1° maggio e il 31 agosto 2023;
  • differimento fino al 2024, per le rate dei mutui concessi da Cassa Depositi e Prestiti in scadenza nell’esercizio 2023, senza sanzioni né interessi.

È prevista inoltre la sospensione dei pagamenti per utenze di energia e gas, acqua e rifiuti urbani.

 

Per rimanere informati seguiteci tramite il nostro sito, la nostra newsletter, oppure su LinkedIn.