img img img img

Economia circolare e ripresa economica

Economia circolare e ripresa economica

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), approvato nel luglio 2020, ha proposto investimenti per incentivare l’economia circolare, finanziando progetti in materia di raccolta differenziata dei rifiuti elettronici, plastici e tessili, che utilizzino tecniche innovative e sostenibili. Le aziende finanziate verranno organizzate in “distretti circolari” per promuovere una maggiore indipendenza del sistema produttivo nazionale. Il PNRR vuole raggiungere una resilienza dell’economia produttiva, aumentando il livello occupazionale statale e riducendo l’impatto sull’ambiente delle industrie.

 

Investimento 1.2. i progetti faro

Il 15 ottobre 2021 il Ministero della Transizione ecologica (Mite) ha pubblicato gli avvisi per la presentazione delle iniziative finalizzate a ottenere i fondi. In particolare, qui tratteremo l’investimento 1.2 M2C1 del PNRR, volto a potenziare l’economia circolare e l’agricoltura sostenibile della Missione 2 “Rivoluzione verde e transizione ecologica”. La somma prevista è di 600 milioni di euro e le proposte dovranno essere presentate entro il 18 febbraio 2022; di questo contributo, 150 milioni sono volti a finanziare la Linea di intervento C: “Realizzazione di nuovi impianti per il riciclo dei rifiuti plastici (attraverso riciclo meccanico, chimico, plastic hubs), compresi i rifiuti di plastica in mare.

Le attività finanziabili sono ad esempio:

-investimenti in impianti dedicati a pirolisi, depolimerizzazione termica o chimica, depolimerizzazione enzimatica, dissoluzione, gassificazione

– creazione di un sistema capillare ed efficace per la raccolta e il riuso dei sottoprodotti provenienti dal riciclo della plastica.

Lo stato di realizzazione degli interventi sarà monitorato dal Gruppo di lavoro e supporto attuazione PNRR, il quale potrà proporre anche eventuali correzioni, dato che le somme andranno rendicontate all’UE ed utilizzate entro il 2026.

Scrivi a V&P per avere un supporto a comprendere il bando pubblicato dal Ministero della transizione ecologica e ottenere incentivi per la tua impresa.