img img img img

Lombardia: aperto il Bando SI 4.0 per lo sviluppo di soluzioni tecnologiche Industria 4.0

Lombardia: aperto il Bando SI 4.0 per lo sviluppo di soluzioni tecnologiche Industria 4.0

Il Bando SI4.0 – Sviluppo di soluzioni innovative è misura dedicata a supportare la trasformazione tecnologica in Lombardia e finanziare soluzioni, applicazioni, prodotti e servizi innovativi  in ottica di Impresa 4.0.

Possono partecipare al bando le MPMI con sede operativa in Lombardia, che abbiano all’interno competenze nello sviluppo di tecnologie digitali.

Gli obiettivi del bando sono i seguenti:

  1.  supportare lo sviluppo di soluzioni, prodotti e/o servizi innovativi focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Nazionale Impresa 4.0;
  2. favorire processi di Open Innovation e condivisione delle tecnologie. Ovvero saranno favoriti quei progetti che sviluppino collaborazioni tra MPMI, imprese e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0 e che creino vantaggi per tutti i partner attraverso il nuovo paradigma tecnologico e produttivo;
  3. favorire i progetti che stimolino, nel lungo termine, la domanda di servizi per il trasferimento di soluzioni tecnologiche e/o realizzino innovazioni tecnologiche e/o implementino modelli di business derivanti dall’applicazione di tecnologie I4.0 in particolar modo a favore delle filiere produttive;
  4. incentivare modelli di sviluppo produttivo green driven orientati alla qualità e alla sostenibilità tramite prodotti/servizi a ridotto impatto ambientale e sociale.

Il Bando finanzia interventi che prevedano la sperimentazione, la prototipazione e la messa sul mercato di soluzioni, applicazioni, prodotti/servizi innovativi Impresa 4.0 prontamente cantierabili e che dimostrino il potenziale interesse di mercato.

Avranno, inoltre, priorità i progetti che:

  1. dimostrano effetti positivi in termini di eco-sostenibilità dei servizi/prodotti proposti
  2. forniscono una risposta all’emergenza causata dall’epidemia di Coronavirus (COVID 19). Le soluzioni proposte possono riguardare la prototipazione o lo sviluppo di dispositivi e/o componenti di ambito medicale o per la sicurezza sul lavoro e/o l’innovazione dei processi di gestione dell’emergenza

I progetti dovranno riguardare almeno una delle tecnologie di innovazione digitale 4.0 riportate nell’elenco 1con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie dell’elenco 1 o 2.

Elenco 1

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (RA);
  • interfaccia uomo-macchina;
  • simulazione e sistemi cyber-fisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • internet delle cose (IoT) e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cybersicurezza e business continuity;
  • big data e analisi dei dati;
  • ottimizzazione della supply chain e della value chain;
  •  soluzioni per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività aziendali e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, ecc);
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain.

Elenco 2

(propedeutiche o complementari a quelle previste all’Elenco 1)

  • e-commerce;
  • pagamento mobile e/o via internet e fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi.

I progetti ammessi dovranno essere realizzati entro il 30 aprile 2021, termine ultimo per la validità dei titoli di spesa e relative quietanze di pagamento.

Spese ammissibili

Sono ammissibili esclusivamente spese relative ad una o più tecnologie tra quelle previste.

  • consulenza erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati;
  • formazione erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati o tramite soggetto individuato dal fornitore qualificato;
  • investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto;
  • servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware e prodotti relativi al progetto erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati.

Contributo

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili nel limite massimo di 50.000,00 euro. L’investimento minimo è di 40.000,00 euro. 

Le domande di contributo potranno essere presentate fino al 3o giugno 2020. Le risorse stanziate ammontano a 1.100.000,00 euro.