img img img img

Lombardia, bando per l’innovazione delle filiere di economia circolare

Lombardia, bando per l’innovazione delle filiere di economia circolare

La Giunta di Regione Lombardia ha approvato l’edizione 2022 del bando per l’innovazione delle filiere di economia circolare, promosso con Unioncamere Lombardia, soggetto attuatore, stabilendo i criteri per l’assegnazione di oltre 4 milioni di euro a micro, piccole e medie imprese (MPMI).

Si tratta di promuovere e riqualificare intere filiere lombarde, nell’ottica di economia circolare, sostenendo progetti che promuovano:

  • il riuso e l’utilizzo di materiali riciclati, di prodotti e sottoprodotti o residui di cicli produttivi, anziché l’utilizzo di materie prime vergini, riducendo la produzione di rifiuti;
  • eco-design, ovvero progetti che considerino l’intero ciclo di vita di un prodotto, secondo la metodologia Life Cycle Thinking;
  • progetti che forniscano una risposta alle nuove esigenze economiche ed energetiche, secondo i due punti precedenti; in particolare prototipi e sviluppo di nuovi materiali, prodotti e/o componenti con approccio climate ve biodiversity positive.

Si tratta di un contributo a fondo perduto per il 40% delle spese sostenute, per un investimento minimo di 40 mila euro e un contributo massimo di 120 mila euro per progetto.

La somma delle spese in conto capitale dovrà corrispondere al 65% del totale delle spese del progetto.

La dotazione finanziaria è in quota a carico di Regione Lombardia e in quota a carico delle Camere di Commercio delle provincie Lombarde di Bergamo, Brescia, Como – Lecco, Cremona, Mantova, Milano – Monza Brianza – Lodi, Sondrio e Varese.

Avranno accesso al bando le MPMI, con sede operativa in Lombardia al momento dell’erogazione del contributo, le quali potranno partecipare in forma singola o in aggregazione di almeno tre imprese rappresentanti la filiera produttiva.

Il bando sarà pubblicato entro la fine di luglio, con l’indicazione di tempistiche e modalità di presentazione delle domande, cui seguirà la procedura valutativa a graduatoria.

Per gli aggiornamenti segui la nostra newsletter.