Operative le modifiche alla Legge Sabatini: il tetto delle spese ammissibili sale a 4 milioni

27 Giugno 2019

La Legge Sabatini è l’incentivo dedicato alle piccole e medie imprese che devono rinnovare macchinari e attrezzature. Possono presentare domanda le piccole e medie imprese con sede su territorio nazionale, nonché le imprese estere, con sede in uno Stato membro e che si impegnano ad aprire una sede operativa in Italia prima dell’ultimazione dell’investimento.

Le spesse ammissibili riguardano l’acquisto attraverso un finanziamento (anche in leasing) di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo, nonché hardware, software e tecnologie digitali, investimenti  digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

L’agevolazione è concessa, a fronte di una richiesta di finanziamento bancario, nella forma di un contributo in conto impianti il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo pari all’investimento, al tasso d’interesse del 2,75 per cento.

Il contributo è maggiorato del 30% – quindi al 3,575% annuo – per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in tecnologie compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Il Decreto Crescita ha elevato a 4 milioni di euro  il tetto massimo complessivo degli investimenti ammessi a finanziamento. Modificate anche le modalità di erogazione del contributo, prevedendo che quest’ultima avvenga sulla base delle dichiarazioni prodotte dalle imprese in merito alla realizzazione dell’investimento e, a fronte di finanziamenti di importo non superiore a 100.000 euro, in un’unica soluzione.
Le PMI che hanno già utilizzato il plafond Sabatini possono presentare ora una nuova richiesta di finanziamento fino al raggiungimento in via cumulativa del limite di 4 milioni di euro.

Per le imprese che stanno investendo in macchinari conformi ad Industria 4.0, è importante sapere che la Sabatini è cumulabile con i benefici previsti dall’iperammortamento.

La presentazione della domanda è sportello fino ad esaurimento risorse.
Il MISE ha stanziato per questa misura una dotazione finanziaria di 480 milioni di euro per i prossimi 6 anni, di cui 48 milioni per il 2019.