img img img img

Regione Lombardia: prime opportunità del 2023

Regione Lombardia: prime opportunità del 2023

Regione Lombardia: prime opportunità del 2023

Regione Lombardia: prime opportunità del 2023, di seguito tutte le misure disponibili, con le indicazioni utili.

 

RICERCA & INNOVA

 

Dotazione finanziaria: 27 milioni di euro, gestiti da Finlombarda, accessibili dal 25 gennaio.

Beneficiari: PMI con sede operativa in Lombardia e almeno due bilanci depositati.

Contributo: fino al 100% delle spese ammissibili, per investimenti minimi di 80 mila euro e massimi di 1 milione di euro, specificamente:
• PMI: 70% di Finanziamento agevolato e 30% di contributo in conto capitale;
• startup e PMI innovative: 65% di Finanziamento agevolato e 35% di contributo in conto capitale;
• progetti green: il 60% di Finanziamento agevolato e 40% di contributo in conto capitale, per progetti conformi agli obiettivi del New Green Deal Europeo.

Progetti ammissibili: ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione di processo, incluse attività di innovazione e/o trasformazione digitale, che prevedano dunque spese per: advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data, etc.
Saranno premiati i progetti orientati a:
• sostenibilità ambientale, con certificazione ambientale volontaria;
• rilevanza della componente femminile e giovanile;
• appartenenza a uno dei Cluster Tecnologici Lombardi, certificata dal proprio cluster.
Da realizzare in una sede operativa del territorio lombardo e avviare successivamente alla presentazione della domanda.

 

 

LINEA INTERNAZIONALIZZAZIONE 2021-2027. PROGETTI PER LA COMPETITIVITÀ SUI MERCATI ESTERI

 

Dotazione finanziaria: 7,050 milioni di euro, incrementabili fino a 15 milioni, accessibili dal 7 febbraio fino a esaurimento dei fondi.

Beneficiari: PMI con almeno due bilanci approvati alla data di presentazione della domanda e sede operativa in Lombardia al momento della concessione.

Contributo: fino al 100% delle spese ammissibili di cui:
• 80% sotto forma di finanziamento agevolato, con tasso nominale annuo di interessi pari allo 0% e durata compresa tra 3 e 6 anni, con periodo di preammortamento non superiore a 24 mesi;
• 20% sotto forma di contributo a fondo perduto.
Saranno concessi da un minimo di 35 mila euro a un massimo di 350 mila euro.

Progetti ammissibili: avviamento o potenziamento di PMI nei mercati esteri, che promuovano:
• nuovi servizi e modelli di networking, e-commerce, finalizzati a promozione, sviluppo e rafforzamento della propria posizione sul mercato internazionale;
• partecipazione a manifestazioni fieristiche a livello internazionale, sia in Italia che all’estero e anche virtuali;
• servizi per: promozione dell’export, transizione digitale e di promozione dell’impresa sui mercati esteri.

 

 

LINEA SVILUPPO AZIENDALE

 

Dotazione finanziaria: complessivi 115 milioni di euro così suddivisi:
• 69 milioni di euro su risorse PR FESR 2021-2027 per il Fondo di garanzia;
• 46 milioni di euro su risorse PR FESR 2021-2027 per il contributo in conto capitale a fondo perduto.
Due le aree di intervento:
• Area 1 Sviluppo aziendale Lombardia;
• Area 2 Sviluppo aziendale nelle aree destinatarie degli aiuti a finalità regionale.
La pubblicazione del bando è prevista per il mese di marzo.

Beneficiari: PMI e Midcap con almeno due bilanci depositati alla data di presentazione della domanda; con una sede operativa in Lombardia al momento della concessione e, solo per l’Area 2, con sede ubicata nelle zone elencate nell’allegato 1 alla delibera; con rating da 1 a 10 secondo la Credit Scoring.

Contributo: si compone di:
• garanzia regionale gratuita su finanziamento a medio-lungo termine per un massimo di 2 milioni e 850 mila euro con tasso di mercato dai soggetti finanziatori, per una durata da 3 a 6 anni e preammortamento massimo di 24 mesi;
• contributo a fondo perduto in conto capitale sull’investimento; la percentuale di tale contributo varia secondo la tipologia di impresa, l’area di riferimento e il regime di aiuto applicato. Sarà erogato in un’unica soluzione a saldo.
L’importo minimo dell’investimento deve essere di 100 mila euro, l’importo massimo agevolabile di 3 milioni di euro.

Progetti ammissibili: piani di sviluppo aziendale finalizzati all’ammodernamento e ampliamento produttivo.

 

 

CREDITO ADESSO EVOLUTION

 

Dotazione finanziaria: incrementato per le PMI (ad esclusione delle Midcap nel rispetto dei vincoli delle risorse pubbliche utilizzate) di 16 milioni di euro per i contributi e di ulteriori 160 milioni di euro per i finanziamenti, fino a esaurimento della dotazione del fondo abbattimento interessi. La data di accesso ai fondi è da definire.

Beneficiari:
• PMI operanti in Lombardia da almeno 24 mesi, con una media dei ricavi tipici, risultante dagli ultimi tre esercizi contabilmente chiusi, di almeno 120 mila euro e appartenenti a specifici codici ATECO dei settori: servizi alle imprese, costruzioni, commercio all’ingrosso, commercio al dettaglio, alloggio, attività dei servizi di ristorazione e somministrazione, istruzione, servizi di assistenza sociale non residenziale, attività sportive, di intrattenimento e di divertimento, altre attività di servizi;
• liberi professionisti e studi associati di professionisti con partita I.V.A. da almeno 24 mesi, operanti in uno dei Comuni della Regione, appartenenti a determinati settori, e con una media dei ricavi tipici, risultante dagli ultimi tre esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda, di almeno 72 mila euro.

Contributo:
• importo: tra 30 mila e 800 mila euro per le PMI, tra 18 mila e 200 mila euro per professionisti e studi associati, e non oltre il 25% dalla media dei ricavi tipici risultante dagli ultimi tre esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda;
• durata: tra 24 e 72 mesi, con preammortamento massimo di 24 mesi;
• rimborso: amortizing, con rata semestrale a quota capitale costante (scadenze fisse di rimborso il 1 aprile e il 1 ottobre di ogni anno);
• tassi di interesse: Euribor a 6 mesi oltre a un margine che varia in funzione della classe di rischio assegnata all’impresa;
• garanzie: non sono richieste garanzie di natura reale. Potranno essere richieste garanzie personali (incluse quelle rilasciate dai Confidi) e/o garanzie dirette del Fondo Centrale di Garanzia/altra garanzia pubblica;
• erogazione del finanziamento: in un’unica soluzione entro 5 giorni dalla data di sottoscrizione del contratto di finanziamento;
• costi e commissioni: non sono previste commissioni e spese di istruttoria.

Contributo in conto interessi: ai sensi del Regolamento de minimis, abbinato al finanziamento e pari al 3% e comunque non superiore al tasso definito per il finanziamento sottostante, e di importo massimo di 70 mila euro; erogato in un’unica soluzione entro 15 giorni dal caricamento online del Contratto di Finanziamento.

 

 

LOMBARDIA VENTURE

 

Dotazione finanziaria: 40 milioni di euro per sostenere l’accesso al capitale di rischio, tramite interventi di Venture Capital, accessibili in data da definire.

Beneficiari: PMI, piccole imprese a media capitalizzazione e Midcap, costituite e attive da almeno 12 mesi, con sede legale o una sede operativa in Lombardia, che svolgano attività nei  settori depp tech a seguire: life science e med tech, computing, blockchain, robotica, aerospazio, energia e clean tech, tecnologie industriali, nuovi materiali, chimica, intelligenza artificiale, big data, cybersecurity, deep learning, machine learning, biotech.

Contributo: ciascun Fondo di Venture Capital, non potrà essere inferiore a 10 milioni di euro e superiore a 20 milioni di euro euro e non potrà rappresentare oltre il 20% del commitment di ciascun Fondo.
Saranno ammessi gli investimenti azionari nel periodo di investimento (fino al 30 giugno 2028) che devono avvenire attraverso la sottoscrizione di capitale di rischio (equity) di nuova emissione e quindi, per almeno il 50%, mediante l’iniezione di nuove risorse finanziarie nei destinatari finali; è consentito l’acquisto di azioni o quote esistenti da un investitore o un azionista precedente, in percentuale inferiore al 50%, riferito al singolo investimento per ciascun destinatario finale. In via eccezionale è consentito ai Fondi Paralleli di sottoscrivere strumenti di quasi-equity emessi in fase di follow-on da imprese in cui il Fondo Parallelo ha già investito e solo a condizione che gli strumenti di quasi-equity sottoscritti siano convertiti in equity entro 12 mesi.

Interventi ammissibili: la misura intende favorire lo sviluppo del mercato di capitale di rischio, attirando altri investimenti in capitale di rischio nelle imprese attraverso un approccio di partenariato con investitori privati, con l’obiettivo di spingere il mercato del Venture Capital in Lombardia sul segmento a più elevata intensità di capitale.

 

 

LINEA GREEN

 

Dotazione finanziaria: 65 milioni di euro complessivi così suddivisi:
• 31 milioni di euro su risorse PR FESR 2021-2027 per il Fondo di garanzia;
• 34 milioni di euro su risorse PR FESR 2021-2027 per il contributo in conto capitale a fondo perduto,
secondo le modalità del bando di prossima pubblicazione.

Beneficiari: micro e piccole imprese, medie imprese e grandi imprese (queste ultime possono richiedere il finanziamento entro il 28 luglio dell’anno in corso), con almeno due bilanci depositati alla presentazione della domanda, con una sede operativa in Lombardia e con rating da 1 a 10 secondo la Credit Scoring.

Contributo: saranno concessi finanziamenti fino a un massimo di:
• 9 milioni di euro per le domande presentate entro il 28 luglio 2023;
• 2 milioni e 850 mila euro per le domande presentate dopo il 28 luglio 2023,
con tasso di interesse di mercato e durata da 3 a 6 anni e preammortamento massimo di 24 mesi.
L’agevolazione, fino al 100% delle spese ammissibili, si compone di:
• una garanzia regionale gratuita su un finanziamento a medio-lungo termine;
• un contributo a fondo perduto in conto capitale sull’investimento.
L’intensità del contributo a fondo perduto varia in ragione dell’area di riferimento dell’impresa e del regime di aiuto applicato.
Importo minimo dell’investimento: 100 mila euro; importo massimo agevolabile – tra finanziamento supportato da garanzia e contributo a fondo perduto – è:
• euro 10 milioni per le concessioni entro il 31 dicembre 2023;
• euro 3 milioni per le concessioni successive al 31 dicembre 2023.

Progetti ammissibili: dedicati all’efficientamento energetico degli impianti produttivi, per favorire la riduzione dell’impatto ambientale dei sistemi produttivi; riduzione dei consumi energetici, sia attraverso il recupero di energia e/o la cattura dei gas serra dai cicli produttivi esistenti, con specifici esiti.

 

 

Villani & Partners è disponibile, con i suoi professionisti, a seguire le aziende interessate per l’intero processo di ottenimento e rendicontazione dei finanziamenti.