Lombardia: annunciata l’uscita di un bando a sostegno delle startup

start up regione lombardia, bando start up, regione lombardia 16 Maggio 2019

Sono stati finanziati 16 milioni di euro per gli interventi di supporto alla nascita di nuove imprese.

Il bando supporta le piccole e medie imprese o liberi professionisti, di tutti i settori agli interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l’offerta di servizi, sia attraverso interventi di microfinanza tramite il Piano di avvio (MISURA A) o Piani di Consolidamento (MISURA B).

BENEFICIARI

Possono presentare domanda le start up lombarde (MPMI) in fase di avviamento e consolidamento, esse devo avere le seguenti caratteristiche:

  • Devono essere registrate alla CCIAA e con sede legale/operativa attiva da massimo 2 anni;
  • liberi professionisti in possesso di partita IVA o che abbiano avviato l’attività professionale oggetto della domanda di partecipazione al bando, da massimo 2 anni;
  • Studi associati: in possesso dell’atto costitutivo dello studio e della partita IVA associata allo studio da massimo 2 anni.

SPESE AMMESSE

Sono considerate ammissibili le spese:

Misura A: Progetti di sviluppo per la realizzazione dei primi investimenti (materiali e immateriali) necessari all’avvio dell’impresa/dell’attività professionale e alle fasi di prima operatività, esse comprendono:

  • Acquisto di nuovi impianti, attrezzature, materiali, macchinari, hardware e software;
  • Spese di adeguamento impianti e ristrutturazione funzionale dei locali per l’attività di impresa/professionale, escluso spese tecniche e di progettazione;
  • Spese di locazione/noleggio per attrezzature tecnico-specialistiche e laboratori/sede operativa;
  • Spese di personale riconosciute in maniera forfettaria nella misura del 20% dei restanti costi diretti;
  • Costi indiretti riconosciuti in maniera forfettaria nella misura del 7% dei restanti costi diretti.
  • Acquisto licenze software e servizi software, compreso sviluppo sito web (quest’ultimo solo se non finalizzato ai servizi di vendita diretta o indiretta);
  • Servizi di consulenza nella percentuale massima del 2% della spesa totale, escluse le consulenze riguardanti la partecipazione al bando.

 

Misura B: Progetti di sviluppo per la realizzazione degli investimenti (materiali e immateriali) necessari a consolidare ed espandere le attività di impresa/professionale, esse comprendono:

  • Acquisizione sedi produttive, logistiche, commerciali all’interno del territorio regionale;
  • Acquisto di brevetti, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud e saas e simili;
  • Spese per certificazione di qualità, deposito dei marchi e registrazione e difesa dei brevetti;
  • Servizi di consulenza esterna specialistica (legale, fiscale, business etc.) non relativa all’ordinaria amministrazione, nella percentuale massima del 2% della spesa totale, escluse le consulenze riguardanti la partecipazione al bando.
  • Spese di personale riconosciute in maniera forfettaria nella misura del 20% dei restanti costi diretti;
  • Costi indiretti riconosciuti in maniera forfettaria nella misura del 7% dei restanti costi diretti.
  • Acquisto di impianti, attrezzature, materiali, macchinari, hardware e software –escluso usato e leasing;
  • Spese di adeguamento impianti e ristrutturazione funzionale dei locali per l’attività di impresa/professionale, escluso spese tecniche e di progettazione.

La durata massima dei progetti di intervento sarà di 15 mesi, con possibile proroga di 3 mesi.

AGEVOLAZIONE

Il contributo sarà diviso per le differenti misure, ossia:

Misura A: si prevede un contributo pari al 40% delle spese per un contributo massimo di 50.000 euro, a fronte di un investimento minimo di 30.000 euro;

Misura B: si prevede un contributo pari al 50% delle spese per un contributo massimo di 75.000 euro, a fronte di un investimento minimo di 40.000 euro.

SCADENZA

Si attende la pubblicazione del bando.