img img img img

Voucher Innovation Manager 2019

Voucher Innovation Manager 2019

Con la Legge di Bilancio il Governo stabilisce degli obiettivi finanziari che prevede di raggiungere nell’arco dei prossimi tre anni valutando gli effetti delle entrate e delle uscite economiche del bilancio dello Stato.

La Legge di Bilancio vuole stabilire gli incentivi da marzo 2019 per le imprese per assumere Innovation Manager qualificati.

Oggigiorno con la quarta rivoluzione industriale si è creata l’industria 4.0, la quale cerca di portare innovazione e digitalizzazione all’interno delle imprese, appunto per questo,  l’industria 4.o ha bisogno di nuove figure e competenze, soprattutto a livello manageriale, che siano molto preparate e capaci di trasportare le imprese verso il cambiamento.

Il testo della Legge di Bilancio prevede la concessione di incentivi alle imprese per favorire l’ingresso in azienda di Innovation Manager, ovvero consulenti altamente specializzati nell’ottimizzazione dei processi o, come specifica il Piano Nazionale 4.0, figure assunte per sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.

Questi consulenti vengono assunti per gestire alcuni determinati processi, quali:
  •  Cloud Computing;
  • Internet of Things;
  • Big Data;
  • Cybersecurity;
  • Realtà virtuale e realtà aumentata;
  • Stampa 3D (manifattura additiva);
  • Robotica e automazione avanzata;
  • Product Life Management, ovvero software per la gestione del ciclo di vita del prodotto.
Il voucher rappresenta un contributo a fondo perduto per le singole imprese che coprirà fino ad un massimo di 40.000 €, mentre per la rete di più imprese può aumentare fino a 80.000 €; il voucher può coprire al massimo il 50% dei costi sostenuti tra il 2019 e il 2020 ed è in regime “de minimis”, quindi cumulabile con altri incentivi diversi provenienti dallo Stato.Il testo normativo sottolinea anche come questi Manager debbano essere in possesso di requisiti di qualificazione e che debbano anche essere iscritti in un apposito Albo  che sarà creato dal Ministero dello Sviluppo Economico entro il prossimo marzo, termine entro cui lo stesso MiSE stabilirà i criteri e le modalità per la concessione dei contributi.